20151222

Natale...con la luna piena






Dicono sarà un Natale con la luna piena:
pare che all’atteso Evento, l’astronomia
ed il cosmo stesso, vogliano partecipare.
.
Dopo trentotto anni, la scena si ripete.
Davvero peculiare cosa, assai curiosa
e strana: con la cometa, anche la luna
risplenderà di luce, sopra alla Capanna.
.
Rotondo come un sorriso su nel Cielo,
un luminoso e sereno “BUON NATALE”
accoglierà il Santo Bambino nella stalla.

.

© luciana bianchi cavalleri 

.

Anmò Natal - (Nuovamente Natale)




De chi e quater di, l’è scià, anca quest’ann,
per tanti l’è festa, per alter un dagn
i fioeu che trimpila, tanta gent cul magun
chi a cumprà fa la fila e chi che dorma in staziun.

.
Gh’emm la smania de curr, a cumprà un quai “bambin,”
de mett dent in del sacc e fal pasà pel camin,
perché… tant, quel fagott, ch’è tra la in d’un cantun,
se l’è minga di nost,… al sarà un quai barbun.

.
Ma quand suna i campan, che ma ciamen a mèsa,
a sa invium de curza “Sù sù dai,…fèmm in prèsa”
ch’è nasuù ul bambinell, nemm in gesa a pregà,
fa nagott se gh’è gent che g’ha minga na cà.

.
E per strada de augùri, sa na spreca un batel
cume se, tùti i gent, sien cumpagn d’en fradell
ma dumà pe ’n quai dì, perché dopu ul trentùn
ognùn pàsa via drizz e al cugnuss pù nisùn.

.
O signur, o por gent, cume sèmm finii in bass,
tant san tùtt che la mort…la fa minga frecass,
dent in cà tutt va ben, quand la panza l’è piena…
ma…podi div una roba?… a ma fii propi pena…

.
D’altrà part a l’è inscì, che funziona stu mund,
ul sincer e ul canaja tropp ispess sa scunfund,
ma a la fin vùn, anmò “decid”, e mi foo ‘l tifo per lù,
perché, al sappia ciapai a pesciat in del cù…
.
.
da Graziano Castoldi - (Como)

.

20151216

Novena di Natale




Come gocce su vetro, scivolano gli anni…

Vorticano luoghi e giorni, insieme ad ogni cosa.
Scompaiono gli affetti, appaiono gli affanni:
i volti e le persone, certezze e convinzioni…

Fisicità e materia:  il tempo, non risparmia.
Tutto si cambia e muta, materia e tradizioni.
Neppure piu’gli inverni, somigliano a se’stessi.


Rimane viva e vera, quell’umile Capanna…

Rinnova il forte invito, materialmente intatto.
Divino nutrimento, fede che non delude:
e in realtà concreta, si attua la Speranza.


Brillano nuovamente, quei lumi nella notte…
Spirito del Natale: sostanza che sostanzia.
.
© Luciana Bianchi Cavalleri


20151212

Un Natal de tanti ann fa (Un Natale di tanti anni fa) - Poesia in dialetto comasco


Originale, in dialetto comasco
.
Voeuj regorda
un Natal de tanti ann fa',
quand in ca' mia
gh'era tanta poverta'.
Vistida de strasc e miseria
ma vedi ammo' a curr
per i straad del me paes
intantdel ciel comincia
a vegni' gio'
i primm fiocch de nef.
L'è nocc e ma fermi
dennanz a una vedrina
illuminada appena
da una fioca lampadina.
E li, troevi al miracul
pussee grand del mund,
un Presepe pinin pinin,
ma gh' è tutt,
e anca Gesu' Bambin.
.
L'Angiulett
che sta in su la Grota
al ma vegn visin visin
"Vegn chi anca ti
insemma a mi."
.
Ma ritrovi ne la Grota,
tucc i cantan,
tucc in cunteent,
San Giusepp e la Madona
i ma fan i cumplimeent,
al Bambinell al ma surrid
e al par vure' di':
"vegn visin a mi,
chi gh'è post anca per ti."
Poo senti una vus,
e la ma par luntana;
l'è la mia Mamm
che agitada la ma ciama
perche' l'èra nocc
e a ca' s'eri minga  ruada.
La ma diss: "Se feet,
vedat minga che ta se piena de nef?".
A sti parol
ma son disedada:
sta bela storia
l'ho propi sugnada.
.
                - Elsa Somalvico -
 .
 .
Traduzione in lingua italiana:

Un Natale di tanti anni fa
.
.
Vorrei ricordare
un Natale di tanti anni fa'
quando in casa mia
c'era tanta poverta'.
Vestita di stracci e miseria
mi vedo ancora correre
per le strade del mio paese
intanto dal cielo scendono
i primi fiocchi di neve.
E' notte e mi fermo
davanti a una vetrina
illuminata appena
da una debole lampadina.
E li',trovo il miracolo
piu' grande del mondo,
un Presepe piccolo piccolo,
ma c'è tutto,
anche Gesu' Bambino.
.
L'Angioletto
che sta sopra la Grotta
mi viene vicino vicino
e mi dice piano pianino:
"Vieni anche tu
insieme a me."
.
Mi ritrovo nella Grotta
tutti cantano,
tutti sono contenti,
San Giuseppe e la Madonna
mi fanno i complimenti,
il Bambinello mi sorride
e sembra voglia dirmi,
"Vieni vicino a me,
qui c'è posto anche per te."
poi sento una voce
mi sembra lontana:
è la mia mamma
che agitata mi chiama
perche' era notte
e a casa non ero arrivata.
Mi dice"cosa fai,
non vedi che sei piena di neve?".

A queste parole
mi sono svegliata:
questa bella storia
l'ho proprio sognata.
.
di Elsa Somalvico (Como).
.
.
I versi ci sono stati inviati dalla figlia (Rita Brigatti), 
nel desiderio di ricordare la propria mamma, in occasione del Natale
.











20151211

Natale a Lecco


Il primo scatto nell'immagine è dell'Autore dei versi, Daniele Riva 

Via Roma si è vestita per Natale
con le sue stelle finte come neve
nei presepi - adesso la pioviggine
scende a inzuppare il porfido consunto,
a lucidare le strade del centro,
ma resta quell’atmosfera dorata
di festa, a ritmo con lo scampanio
che taglia come lama l’aria umida.
.
da Daniele Riva - (Paderno d'Adda - LC)

20151207

El Natal - (Il Natale) - Poesia in dialetto comasco




Testo originale, in dialetto comasco:

Pover el mè Natal de adess!
De quand mì s’eri piscinin
tì te see pù nanca l’istess
se vorarien trà via el Bambin
de la paja de la grotta,
senza pù el boeu e el somarell
e tutti i pegorèe in frotta
intorna, sotta on ciel de stell,
a mirà la Madonnetta
e el Giusepp ingenoggiàa
denanz a la cunnetta
de la santa Nativitàa.
Pover el mè Natal de adess!
Se sent in gir che tanta gent
la te rinega tropp de spess,
la voeur lassà de tì pù nient
e mi me senti on gran dolor
se al tò post forsi doman,
invece de ti, festa d’amor,
finiremm cont el fa el Ramadan.
.
              - Emilio Montorfano -
.

Traduzione in lingua italiana:

Povero mio Natale d’oggi!
Da quando io ero piccolo
tu non sei più neppure lo stesso
se vorrebbero togliere il Bambino  
dalla paglia della grotta,
senza più il bue e l’asinello
e tutti quei pastori raggruppati
intorno, sotto un cielo di stelle,
a contemplare la Madonnina
e Giuseppe inginocchiati
davanti alla piccola culla
della santa Natività.
Povero mio Natale d’oggi!
Si sente in giro che tanta gente
vorrebbe lasciare di te proprio più niente
e io mi sento un gran dolore
se, al posto tuo, forse domani
al posto tuo, festa d’amore,
finiremo con fare il Ramadan.
.
da Emilio Montorfano - (Milano)
.


20151130

2015, a Como... Natale, viene...




Fra mille luci natalizie
sul Duomo, un po' in disparte
brilla anch'essa. (Quasi, ci parla).

Una piccola Chiesina, si fa simbolo.
Il Santo Natale, anche quest'anno, viene...


© luciana bianchi cavalleri 

.