20181220

Natal cunt la fioca - (Natale con la neve)



ORIGINALE, IN DIALETTO COMASCO:

Varda, varda, è scià la fioca,
me l’è bianca…e me l’è fregia…
M’è vegnù fin la pel d’oca,
ma al sarà perchè sun vegia.

Chi è che sun? Me cari gent
sunt la voeuia de fa festa,
quela voeuia che gh’emm dent
cun quel zic d’amur che resta.

Si perchè tra i lùs che incanta
e i regai dent ai vedrin,
gh’emm pù ‘l temp de scultà ‘l coeur
per vardà dumà un burzin.

I fiulit in li a specià
che de nocc riva ul bambin;
e nùn grand pensum dumà
se fa l’anatra o ‘l tachin

Se quest’ann, na volta apena,
si, cumpagn de cent ann fa,
sa pensass de fa per scena
quel che basta per scampà.

Tùtt al pù quater ravioeu
un pulaster ma nustran
panetun spartii cui fioeu
e cun chi riva de luntan,

Senza prèsa, cul coeur vert,
na cadrega per chi è senza
Setaa giù in cantun al foeuc,
in due sa scalda la speranza

che ul Natal in tùtt ul mund,
fin dal Polo a l’equadur
al riùnisa ul bun e ‘l gramm
cume ’n simbul de l’amur.

                Graziano Castoldi - Como


TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA:

Guarda guarda, arriva la neve
com’è bianca e com’è fredda..
Mi è venuta persino la pelle d’oca
ma sarà perchè sono vecchia.

Chi sono io? Cara gente
sono la voglia di far festa
quella voglia che abbiamo dentro
con quel pizzico di amore che ci resta

Si perchè tra le luci che incantano
e i regali nelle vetrine
non abbiamo tempo per ascoltare il cuore
per guardare solo il borsellino.

I bambini sono li ad aspettare
che di notte arrivi Gesù bambino
e noi grandi a pensare solo
se fare l’anatra o il tacchino

E se quest’anno, solo per una volta
si, come si faceva cent’anni fa
si pensasse di fare per cena
solo il necessario per vivere?

Al limite quattro ravioli,
un pollo ma di quelli nostrani,
il panettone da dividere assieme ai ragazzi
e con chi arriva da lontano ( chi e forestiero)

Senza fretta, col cuore aperto
una sedia per chi non ne ha ( senza casa)
seduti attorno al camino
dove si scalda la speranza

che il Natale in tutto il mondo
dal polo all’equatore
riunisca il buono e il cattivo
come simbolo d’amore.

da Graziano Castoldi - Como

Nessun commento: