20181220

QUI... a Nazareth di Galileia


Sciabordano lente,
le onde del Lario:
si sovrappongono
come lembi, ai secoli
del tempo trascorso.

(Ed ogni sasso in riva,
si farà deserto…)

Nel buio, la risacca
rievoca reti ed onde:
il Pescatore d’uomini
rinasce, in umili fasce,
a Nazareth di Galilea.

(Ed ogni ardente cuore,
si farà Presepe…)

Uno spicchio di luna
sorride, alla cometa:
in docile dondolìo
si fa accogliente culla,
per il Bimbo sovrano.

(Ed ogni lago al mondo,
sarà Tiberiade, stanotte.)

 © Luciana Bianchi Cavalleri

           - Natale 2018 -

Natal cunt la fioca - (Natale con la neve)



ORIGINALE, IN DIALETTO COMASCO:

Varda, varda, è scià la fioca,
me l’è bianca…e me l’è fregia…
M’è vegnù fin la pel d’oca,
ma al sarà perchè sun vegia.

Chi è che sun? Me cari gent
sunt la voeuia de fa festa,
quela voeuia che gh’emm dent
cun quel zic d’amur che resta.

Si perchè tra i lùs che incanta
e i regai dent ai vedrin,
gh’emm pù ‘l temp de scultà ‘l coeur
per vardà dumà un burzin.

I fiulit in li a specià
che de nocc riva ul bambin;
e nùn grand pensum dumà
se fa l’anatra o ‘l tachin

Se quest’ann, na volta apena,
si, cumpagn de cent ann fa,
sa pensass de fa per scena
quel che basta per scampà.

Tùtt al pù quater ravioeu
un pulaster ma nustran
panetun spartii cui fioeu
e cun chi riva de luntan,

Senza prèsa, cul coeur vert,
na cadrega per chi è senza
Setaa giù in cantun al foeuc,
in due sa scalda la speranza

che ul Natal in tùtt ul mund,
fin dal Polo a l’equadur
al riùnisa ul bun e ‘l gramm
cume ’n simbul de l’amur.

                Graziano Castoldi - Como


TRADUZIONE IN LINGUA ITALIANA:

Guarda guarda, arriva la neve
com’è bianca e com’è fredda..
Mi è venuta persino la pelle d’oca
ma sarà perchè sono vecchia.

Chi sono io? Cara gente
sono la voglia di far festa
quella voglia che abbiamo dentro
con quel pizzico di amore che ci resta

Si perchè tra le luci che incantano
e i regali nelle vetrine
non abbiamo tempo per ascoltare il cuore
per guardare solo il borsellino.

I bambini sono li ad aspettare
che di notte arrivi Gesù bambino
e noi grandi a pensare solo
se fare l’anatra o il tacchino

E se quest’anno, solo per una volta
si, come si faceva cent’anni fa
si pensasse di fare per cena
solo il necessario per vivere?

Al limite quattro ravioli,
un pollo ma di quelli nostrani,
il panettone da dividere assieme ai ragazzi
e con chi arriva da lontano ( chi e forestiero)

Senza fretta, col cuore aperto
una sedia per chi non ne ha ( senza casa)
seduti attorno al camino
dove si scalda la speranza

che il Natale in tutto il mondo
dal polo all’equatore
riunisca il buono e il cattivo
come simbolo d’amore.

da Graziano Castoldi - Como

20161221

Ma in Quella Notte...





Cielo sereno e trapuntato d’astri…
s’increspa il lago e l’onda intirizzisce:
stanotte imbiancherà la galaverna
ricamando arabeschi di ghiaccio.
.
Fiabesche trine nel buio della sera     
recano sogni e incanti dell’infanzia:
rilucenti profusioni di colorate stelle
sul Presepe, accendono l’abside di blu.
.
Una notte, come tante. Ma in Quella Notte,
nella lontana e Santa Notte di Betlemme
belavano i piccoli d’agnello sulle alture…
e profumava il fieno, a giaciglio nella stalla.
.
Giaceva una Madre,
sospirando immensità d’Amore
in  trepido candore di speranza e fede,
nell’umile semplicità d’un luogo senza tempo…
.
Nacque così, quel Bimbo tanto atteso
accolto in tenero ed intenso afflato…
- e nuovamente oggi - con amore, nasce.
.
© luciana bianchi cavalleri 
 .

Natal 2016 (Natale 2016) - Versi in dialetto comasco


Testo originale, in dialetto comasco:
.


O signur, Papà Natal,
se gh’et scià dent in del sac?
Se g’ho scià car ul me fioeu,…
spècia un zic, g’ho de pensac.
Una gerla de baluni,
per fiulitt che g’ha pù i pè;
tanti bambul fa de pèza
cui tazzin per fac ul the;
Ma i tusan che fin han faa?
Eren chi un poo de temp fa,
s’è sentii dumà frecass
peu… la mort , quel ch’è restaa.
Forzi staan l’è mei che vaga
a toeu un gerlu pien d’amur,
per purtall a chi cumanda
e a chi decid i sort del mund.
Credi minga che i me lacrim
fermaran questa viulenza ,
ma anca st’ann voeuri pruvacc,
Sbaglieroo??..Vabè, pazienza.

.
Testo tradotto in lingua italiana:
.

Natale 2016
O Signore,papà natale,
cos'hai dentro in quel sacco?
cos'ho qui caro il mio ragazzo
aspetta un momento,devo pensarci.
Una gerla di palloni
per bambini che non hanno più i piedi
tante bambole fatte di pezza
con tazzine per fare il the
Ma le bambine, che fine hanno fatto?
Erano qui un po' di tempo fa
si è sentito solo rumore
poi la morte...quello che è rimasto
Forse quest'anno è meglio che vada
a prendere un grande gerla piena d' amore
per portarla a chi comanda
a chi decide le sorti del mondo.
non credo che le mie lacrime
fermeranno questa violenza
ma anche quest'anno voglio provarci.
Sbaglierò??? va bene, pazienza

da Graziano Castoldi - (Como)


20161215

Natale a Como





Luci, musica, allegria, mercatini
Questa è l’atmosfera di Como
Strade del Duomo invase da
fiumi di persone
Bambini festosi gridano e ridono
In un angolo un bambino
Il suo colore si confonde
Con il buio della sera
Addosso una maglietta, un paio di jeans
E riccioli in testa
Chiede la carità
La gente gli passa davanti,
Indifferente
Nessuno si ferma
Nessuno gli dà una carezza
Nessuno lo guarda
Lui, infreddolito, sorride
Le luci ad intermittenza
Illuminano il suo viso,
i suoi denti bianchissimi
Continua a chiedere l’elemosina
Ma non capisce ancora che è
Invisibile
Luci, allegria e musica
Questo è il Natale a Como
.
da  Enza Campisi  - (Como)
.

20161214

Natale sul Lago



La neve imbianca i gelsi
dai rami ormai spogli
e rende fiabesca la riva.

Paesaggio da "mille e una notte!"

Il freddo mantello ricopre
cespugli di verde perenne 
riveste le strade ed i tetti.

S'adagia su barche ormeggiate 
ricordi di calde giornate
e lunghe escursioni sul Lario.

Quel gelo non penetra il cuore
unisce davanti al camino.
La festa riaccende gli affetti
dissipa rancori passati
riscalda anche gli animi freddi.

Riaffiorano sogni infantili
presepi di umile creta
abeti innevati d'ovatta.

Rimpiango i Natali passati
freddi e con umili doni
ma caldi del fuoco d'Amore
e ricchi di pace interiore!
.
da Antonia Migliaresi - Silvi Marina (TE)

.

20151222

Natale...con la luna piena






Dicono sarà un Natale con la luna piena:
pare che all’atteso Evento, l’astronomia
ed il cosmo stesso, vogliano partecipare.
.
Dopo trentotto anni, la scena si ripete.
Davvero peculiare cosa, assai curiosa
e strana: con la cometa, anche la luna
risplenderà di luce, sopra alla Capanna.
.
Rotondo come un sorriso su nel Cielo,
un luminoso e sereno “BUON NATALE”
accoglierà il Santo Bambino nella stalla.

.

© luciana bianchi cavalleri 

.

Anmò Natal - (Nuovamente Natale)




De chi e quater di, l’è scià, anca quest’ann,
per tanti l’è festa, per alter un dagn
i fioeu che trimpila, tanta gent cul magun
chi a cumprà fa la fila e chi che dorma in staziun.

.
Gh’emm la smania de curr, a cumprà un quai “bambin,”
de mett dent in del sacc e fal pasà pel camin,
perché… tant, quel fagott, ch’è tra la in d’un cantun,
se l’è minga di nost,… al sarà un quai barbun.

.
Ma quand suna i campan, che ma ciamen a mèsa,
a sa invium de curza “Sù sù dai,…fèmm in prèsa”
ch’è nasuù ul bambinell, nemm in gesa a pregà,
fa nagott se gh’è gent che g’ha minga na cà.

.
E per strada de augùri, sa na spreca un batel
cume se, tùti i gent, sien cumpagn d’en fradell
ma dumà pe ’n quai dì, perché dopu ul trentùn
ognùn pàsa via drizz e al cugnuss pù nisùn.

.
O signur, o por gent, cume sèmm finii in bass,
tant san tùtt che la mort…la fa minga frecass,
dent in cà tutt va ben, quand la panza l’è piena…
ma…podi div una roba?… a ma fii propi pena…

.
D’altrà part a l’è inscì, che funziona stu mund,
ul sincer e ul canaja tropp ispess sa scunfund,
ma a la fin vùn, anmò “decid”, e mi foo ‘l tifo per lù,
perché, al sappia ciapai a pesciat in del cù…
.
.
da Graziano Castoldi - (Como)

.

20151216

Novena di Natale




Come gocce su vetro, scivolano gli anni…

Vorticano luoghi e giorni, insieme ad ogni cosa.
Scompaiono gli affetti, appaiono gli affanni:
i volti e le persone, certezze e convinzioni…

Fisicità e materia:  il tempo, non risparmia.
Tutto si cambia e muta, materia e tradizioni.
Neppure piu’gli inverni, somigliano a se’stessi.


Rimane viva e vera, quell’umile Capanna…

Rinnova il forte invito, materialmente intatto.
Divino nutrimento, fede che non delude:
e in realtà concreta, si attua la Speranza.


Brillano nuovamente, quei lumi nella notte…
Spirito del Natale: sostanza che sostanzia.
.
© Luciana Bianchi Cavalleri


20151212

Un Natal de tanti ann fa (Un Natale di tanti anni fa) - Poesia in dialetto comasco


Originale, in dialetto comasco
.
Voeuj regorda
un Natal de tanti ann fa',
quand in ca' mia
gh'era tanta poverta'.
Vistida de strasc e miseria
ma vedi ammo' a curr
per i straad del me paes
intantdel ciel comincia
a vegni' gio'
i primm fiocch de nef.
L'è nocc e ma fermi
dennanz a una vedrina
illuminada appena
da una fioca lampadina.
E li, troevi al miracul
pussee grand del mund,
un Presepe pinin pinin,
ma gh' è tutt,
e anca Gesu' Bambin.
.
L'Angiulett
che sta in su la Grota
al ma vegn visin visin
"Vegn chi anca ti
insemma a mi."
.
Ma ritrovi ne la Grota,
tucc i cantan,
tucc in cunteent,
San Giusepp e la Madona
i ma fan i cumplimeent,
al Bambinell al ma surrid
e al par vure' di':
"vegn visin a mi,
chi gh'è post anca per ti."
Poo senti una vus,
e la ma par luntana;
l'è la mia Mamm
che agitada la ma ciama
perche' l'èra nocc
e a ca' s'eri minga  ruada.
La ma diss: "Se feet,
vedat minga che ta se piena de nef?".
A sti parol
ma son disedada:
sta bela storia
l'ho propi sugnada.
.
                - Elsa Somalvico -
 .
 .
Traduzione in lingua italiana:

Un Natale di tanti anni fa
.
.
Vorrei ricordare
un Natale di tanti anni fa'
quando in casa mia
c'era tanta poverta'.
Vestita di stracci e miseria
mi vedo ancora correre
per le strade del mio paese
intanto dal cielo scendono
i primi fiocchi di neve.
E' notte e mi fermo
davanti a una vetrina
illuminata appena
da una debole lampadina.
E li',trovo il miracolo
piu' grande del mondo,
un Presepe piccolo piccolo,
ma c'è tutto,
anche Gesu' Bambino.
.
L'Angioletto
che sta sopra la Grotta
mi viene vicino vicino
e mi dice piano pianino:
"Vieni anche tu
insieme a me."
.
Mi ritrovo nella Grotta
tutti cantano,
tutti sono contenti,
San Giuseppe e la Madonna
mi fanno i complimenti,
il Bambinello mi sorride
e sembra voglia dirmi,
"Vieni vicino a me,
qui c'è posto anche per te."
poi sento una voce
mi sembra lontana:
è la mia mamma
che agitata mi chiama
perche' era notte
e a casa non ero arrivata.
Mi dice"cosa fai,
non vedi che sei piena di neve?".

A queste parole
mi sono svegliata:
questa bella storia
l'ho proprio sognata.
.
di Elsa Somalvico (Como).
.
.
I versi ci sono stati inviati dalla figlia (Rita Brigatti), 
nel desiderio di ricordare la propria mamma, in occasione del Natale
.